Killer Game – Andrea Mantelli

Pubblicato il 18 giugno 2024 su Scrittura e Letture da Adam Vaccaro

Andrea Mantelli, Killer Game – Romanzo, puntoacapo, Pasturana (AL), 2023
Laura Cantelmo

***

Quella che, con una definizione corrente viene chiamata “letteratura d’intrattenimento” non rende giustizia a chi, come Mantelli, fa dire a un personaggio, nella prima riga del suo romanzo: “Scrivo. Esisto per scrivere”. Lo scrittore, in questa sorta di outing, manifesta la passione di una vita, sempre vissuta scrivendo, per necessità di lavoro o per semplice impulso interiore. E lo fa attraverso una maschera, un personaggio scelto come portavoce, secondo la mimesis classica della narrazione. Pensiamo persino che in lui l’umorismo abbia un malcelato scopo satirico di quel genere, che solitamente è destinato allo svago.
Killer Game non è un romanzo tradizionale, non ha una trama che gradualmente si sviluppa con personaggi suddivisi a seconda delle funzioni, in primari e secondari. Anzi, esso si presenta interessante a un’analisi semiotica, avendo una struttura che non segue uno sviluppo lineare, bensì in una successione di scatole cinesi: ogni capitolo/racconto o microtesto è propedeutico a quello successivo, la trama procede come per gemmazione, sviluppando il tema centrale, ma non la coerente fabula che ci si aspetta, poiché ciascun capitolo, almeno nella prima parte, ha una sua autonomia narrativa, con personaggi differenti di volta in volta, mirando sempre a un unico fine: individuare la formula dell’assassinio perfetto.
Non troviamo qui il classico protagonista con tutta la serie di antagonisti e personaggi secondari, attorno ai quali si evolve l’intreccio. Il titolo dice chiaramente che il tema riguarda i killer e rientra quindi nella definizione di romanzo giallo. Ciò che appare come filo conduttore, non è tanto la trama, ma è la vasta sfaccettatura del Male, in particolare dell’assassinio, incarnata in personaggi la cui tendenza omicida, verso chi li disturba nella vita privata o in affari più o meno leciti, non risulta essere innata, bensì indotta, provocata da evenienze casuali del destino. Quasi sempre è l’occasione che rende assassini, ci dice il racconto/capitolo “L’assassino che è in noi”: “Si è svegliato l’assassino che c’è in me, in noi, in tutti noi, compresi voi che state leggendo, non negate…Possiedo una pistola ed è certo che nulla sarà più come prima.” (Pag.69) Abbastanza inquietante, come affermazione, che non può non far pensare il lettore.
Ma è anche vero che quanto l’Autore afferma, capita che venga successivamente smentito. Infatti, nel racconto eponimo, Killer Game, la tesi precedente è inficiata dalla presenza della Facoltà del Crimine Applicato e dal suo opposto, la Facoltà del Crimine Represso, dove la dottrina criminologica è clamorosamente messa in ridicolo dall’umorismo della narrazione e dalla comicità grottesca dei personaggi.
Con disinvolta ironia l’Autore affronta il tema della circolazione delle armi, facendo supporre che il libro che stiamo leggendo, pur se apparentemente si presenta come un giallo, abbia per lo meno un pensiero di fondo molto serio, che svia dalla rituale definizione accademica di “letteratura d’intrattenimento”. A differenza del classico poliziesco, manca qui la figura dell’inquirente amatoriale, non ci sono delitti di cui non si conosca il colpevole, non c’è alcun rappresentante della legge chiamato a risolvere il caso. Il tema da sviluppare è come arrivare a compiere un assassinio perfetto.
Lo scopo ufficiale è il divertimento. Ma non solo. Quello non verrà mai a mancare, perché nella vasta gamma dei killer vi è una ricerca del paradosso, degli incidenti esilaranti che fanno fallire i progetti malsani, fino a quando, nella parte centrale, troviamo una farsesca esaltazione del crimine, che dice la ragione del titolo: Killer Game. Così è chiamato il Festival del Delitto, indetto dalla Facoltà di Crimine Applicato, promosso dal Magnifico Rettore denominato Flaccido Bimbo, cui è assegnata l’ARRAPANTE cattedra di killeraggio. La comicità è al massimo, allorché i personaggi che si susseguono nel Festival sono tratteggiati tenendo presente, si direbbe, la tipologia di alcuni grandi film comici del passato – Il Grande Dittatore o Tempi moderni – che hanno segnato altissimi momenti di critica politica e sociale nella storia del cinema. Qui, ad esempio, si cita il precariato nel lavoro, lo sfruttamento e l’abuso di potere (vediamo la povera Gambozzi, assistente del Rettore, regolarmente sculacciata per punizione), per avvicinare alla realtà un racconto che è tutt’altro che realistico. Ė abbastanza evidente che, delle categorie letterarie di cui si occupava con una certa rigidità la semiotica degli ultimi decenni del Novecento, l’Autore non si curi affatto, agendo nella massima libertà. La trama o, meglio, le trame, si muovono nell’ambito del grottesco, a volte il finale del racconto resta in sospeso, mentre gli “eroi”, i killer maldestri, sono sempre diligentemente impegnati a studiare come organizzare il delitto perfetto.
La scelta del registro linguistico basso, espressa anche nei nomi propri – personaggi stilizzati come nella Commedia dell’Arte: Flaccido Bimbo – il Magnifico Rettore – il concorrente al Premio, Enanito (perché minuscolo), l’esilarante romano Li Mortacci, indicano che ci troviamo di fronte a una parodia di quei romanzi criminali da cui siamo sommersi, in stampa e in video, nonché dalla realistica volgarità che in essi si manifesta.
La novità sta nel ribaltamento della struttura che li caratterizza, con la presa in giro della categoria dell’assassino, con la ricerca minuziosa nel progettare l’omicidio e al contempo il tenero abbandonarsi alla nostalgia di Li Mortacci “della casetta…a Torpignattara” (pag.117). Mentre la parodia si fa più spietata grazie alla comica diligenza degli interessati, impiegata nel perseguire lo scopo finale, un assassinio efferato.
Nel concorso a premi che riguarda i video presentati al Festival sul miglior piano per un delitto, gli aspiranti assassini si presentano intimoriti come normali studenti, di fronte ai loro improbabili, severissimi giudici, i quali tacciano come “sfigati” coloro che si iscriveranno al Crimine Represso. Mantelli ha così ribaltato la grandiosità del Male, che in passato era stata rilevata dalla critica cinematografica ne Il Padrino o nella televisiva Gomorra, trasformandola in qualcosa di comico. Tenendo conto che, in questo romanzo, molti “progetti criminali”, nonostante tutto, falliscono.
Se il confronto con il cinema, più che con la letteratura, sorge spontaneo, dobbiamo risalire al passato dell’Autore: avendo lavorato come scrittore di trame di fumetti, Mantelli ha sempre avuto presente l’aspetto visivo, più che la descrizione. E non dimenticando il pubblico a cui di solito sono destinate quelle storie, dà importanza più al dialogo che agli intermezzi descrittivi e alla definizione del personaggio che non all’aspetto letterario del racconto. La differenza con il “genere” sta nell’offrire un testo più raffinato grazie all’uso dell’ironia e alla ricerca dell’eccesso in un registro linguistico fantasioso e volutamente sboccato, come si addice a un ambiente di malavita o al bar sport, là dove solitamente non si va per il sottile: “quindici gnocche di materiale plastico” (pag. 42), ne è un esempio eloquente.
Sarà l’Autore stesso a dirci nel finale, tramite una sua maschera: ”A me piacciono le storie che tornano su se stesse. Storie in circolo,” (pag.164). Lo si era capito, ma il divertimento consiste proprio nel volere candidamente ammettere ciò che è diventato ovvio nel corso della lettura, creando una sorta di spaesamento nel sovvertire gli schemi di un genere dalla struttura un po’ statica.
Quello che dalla critica più rigorosa è stato spesso definito come “crisi del racconto”, in questo frizzante romanzo viene attuato in assoluta e consapevole autonomia di scelta.
Milano, 20/05/2024

Continua a leggere »

Dal Lazzaretto – Luigi Cannillo

Pubblicato il 12 giugno 2024 su Scrittura e Letture da Adam Vaccaro

Dal Cielo alla Terra
Il cerchio destinale ricongiunto nel nostos di Luigi Cannillo
Adam Vaccaro
***

Luigi Cannillo, Dal Lazzaretto, La Vita Felice, Milano 2024

Penso sia necessario e utile riconnettere la lettura di questa ultima raccolta di Luigi Cannillo a quelle precedenti1, al fine di collocarla nel percorso che si illumina di senso, entro il disegno di quel libro unico di un Autore, quale inteso da Walt Whitman.
Occorre dire che l’arco complessivo disegnato dal percorso di Cannillo è un esempio di come agiscono e cambiano la struttura del testo quelle che chiamo forze della forma, con epifanie generative diverse, se più dominate dal vento interiore, o se più alimentate e agite dal ben altro vento, che soffia dall’Altro.
L’aria è simbolo, sia di liberazione dell’inconscio, tra i freni e le illusioni del rimosso che lo costituisce, sia di chiusure rispetto all’Io lasciato fuori dalla sua barriera invisibile. E le fioriture di segni, apparentemente libere, non amano evidenziare i loro legami emopoietici o onomatopeici con la materia biologica e psicologica che li genera. Se invece la distanza materica si riduce, i segni sono attirati come da un magnete che impone maggiore concretezza e transitività comunicativa. E tali diversi processi di germinazione linguistica, nel primo caso esaltano i giochi del significante, nel secondo corpi più scoperti e tesi al significato Col che agisce con più forza il bisogno di essere conosciuti e riconosciuti dall’Altro, dagli altri, nella coscienza che senza questa sutura, il Soggetto Scrivente e i suoi segni lasciano monche le possibilità di completare la missione potenziale da cui sono nati, di farsi conoscenza condivisa.

Continua a leggere »

Trasmutazioni – Adam Vaccaro

Pubblicato il 2 giugno 2024 su Eventi Suggeriti da Maurizio Baldini

                                                                                                

Via Laghetto 2 – Milano

11 Giugno 2024 – ore 17:30-19:00

Continua a leggere »

Dedicato a Gio Ferri

Pubblicato il 28 maggio 2024 su Eventi Milanocosa da Maurizio Baldini

Casa della Cultura

Via Borgogna 3 – Milano

6 Giugno 2024 – ore 15,30-17,30

 Milanocosa Anterem Edizioni

Presentano
A cura di Adam Vaccaro

Dedicato a Gio Ferri

Poesie scelte

Un’Autoantologia 1964-2014 con

Premessa di Paola Ferrari, Saggi introduttivi di

Flavio Ermini, Giovanni Fontana, Francesco Muzzioli, Chiara Portesine, Marilina Ciaco  

e Saggi conclusivi di Adam Vaccaro, Vincenzo Guarracino

 ***

Con interventi e testimonianze di:

Paola Ferrari, Ranieri Teti, Laura Caccia, Silvia Comoglio. Marilina Ciaco, Vincenzo Guarracino, Adam Vaccaro

***

E letture di poesie dell’Antologia con:

Paola Ferrari, Claudia Azzola, Luigi Cannillo, Laura Cantelmo, Roberto Caracci,

Gabriela Fantato, Barbara Gabotto, Angelo Gaccione, Giacomo Guidetti, Rosemary Liedl 

Continua a leggere »

Trame di nascita -Rosella Prezzo

Pubblicato il 25 maggio 2024 su Scrittura e Letture da Adam Vaccaro

TRAME DI NASCITA, di Rosella Prezzo, Moretti e Vitali, 2023

Nota di lettura di Maria Carla Baroni

Libro molto ricco e denso su cui ci sono moltissime cose da dire. Salterò di palo in frasca toccando alcuni punti che mi stanno particolarmente a cuore.
Noi in Occidente siamo figli e figlie della Bibbia e dei miti greci: della Bibbia secondo cui la donna fu creata da una costola del primo uomo; per fortuna esistono altre culture e altri miti. Maria Silvia Codecasa, nel suo libro “I sette serpenti”, Manifestolibri, 1994, dedicato al culto dei serpenti e delle Dee madri in Asia e nel Pacifico, ci parla di un mito dell’isola di Makira o San Cristobal, nell’ arcipelago delle Salomone, secondo cui il creatore plasmò una donna con la creta, poi le sfilò una costola e ne fece il primo uomo.
Diffondiamo questa buona novella.
Una forma di nascita è anche quella operata dal linguaggio: il linguaggio crea, fa nascere alla vita sociale, alla vita collettiva. In questa sede parlare del doppio linguaggio di genere è in un ceto senso scontato, ma lo faccio per quanto riguarda un aspetto: nelle bibliografie e nelle note dei saggi quasi sempre vengono citati autori e autrici con le iniziali del nome e con il cognome. Nella bibliografia di Rosella Prezzo viene citato il nome completo, ma nelle note solo le iniziali. Ci sono autori e autrici ultranoti/e, ma altri/e meno. In questa procedura, di cui non riesco a vedere le ragioni pratiche, che spesso mi hanno detto imposta dagli editori, io vedo solo la volontà maschile di occultare la creatività e il pensiero delle donne.
A proposito di linguaggio, in italiano si dovrebbe dire la madrepatria e non solo la patria: in inglese dicono motherland, la terramadre, la Pachamama, la terra madre dei popoli indigeni latinoamericani.
Desidero dire qualcosa sulla prospettiva dell’utero artificiale o ectogenesi, che ha abbastanza spazio nel libro e che Rosella Prezzo chiama utopia! (pag. 97) Assolutamente no. È una distopia, una distopia terrificante. In primo luogo perché significherebbe sottomettere alla tecnologica capitalistica, sviluppata per aumentare il potere dei pochi che già lo detengono, e quindi sempre più invasiva e opprimente, anche il fatto più naturale, più umano al mondo e cioè il nascere. E poi perché significherebbe la realizzazione della prospettiva maschile di non aver più bisogno delle donne neppure come ricettacolo del loro seme, la prospettiva di eliminare le donne anche come incubatrici…Non mi sarei mai aspettata che una donna – Sulahimi Firestone – potesse proporre, come soluzione all’oppressione del genere maschile su quello femminile e alla maternità come destino imposto (per perpetuare la specie e per trasmettere i beni e i titoli nobiliari), il rifiuto delle donne a fare figli e la procreazione completamente artificiale.
A parte l’impraticabilità su larga scala, è una prospettiva aberrante. Avere figli/e è naturale e non vedo perché mai le donne dovrebbero ribellarsi alla natura, che ci ha attrezzate a fare e ad allevare i figli/e, ad es. dotandoci di una maggiore resistenza immunologica e a disastri come le carestie. È la cultura maschile, la scienza maschile coeva al capitalismo nascente che vuole sottomettere la natura, con i bei risultati che stiamo vedendo. Sul come intendere la natura, basta confrontare il pensiero di Isaac Newton (funzionale appunto al capitalismo nascente) e il ribaltamento, con la critica femminista rivoluzionaria di Carolyn Merchant in “La morte della natura”, Garzanti, 1988.
Essere madri, quando lo si sceglie, è bello, la nascita è potenza; è anche potere, un potere che il genere maschile ci invidia e a causa del quale ci ha sottomesso per millenni, ha sottomesso i nostri corpi e ha valorizzato solo le creazioni, le nascite della mente, che attribuisce solo a se stesso, negando alle donne come genere – in Occidente fino all’inizio del Novecento – la possibilità di istruirsi, di andare a scuola. Tuttora i talebani in Afganistan impediscono alle donne di andare a scuola.
Due considerazioni in campo medico/sanitario, che esula dall’impostazione del libro di Rosella Prezzo, a mio parere utili per sottolineare quanto il potere maschile, sotto forma di potere medico, si sia già impadronito della maternità e della nascita: 1) l’eccesso di medicalizzazione del parto, che si traduce in un abuso di parti cesarei (anche perché questi vengono rimborsati agli ospedali come interventi chirurgici, a differenza dei parti naturali), un eccesso di parti indotti, uso di posizioni obbligate per partorire, episiotomie senza necessità, mancanze di rispetto con parole e comportamenti che configurano talora una vera e propria violenza (detta – impropriamente – violenza ostetrica), separazione dei neonati/e dalla madre dopo il parto; 2) l’accanimento a voler tenere in vita a tutti i costi anche creature che nascono con menomazioni gravi e gravissime e/o con pluripatologie, destinate alla sopravvivenza di pochi giorni o mesi o anni o, peggio ancora, a una sopravvivenza prolungata in cui sono impediti/e dal comunicare, destinati/e a istituzioni totali o a una convivenza straziante per le loro madri.
L’obiettivo delle donne non deve essere liberarsi dalla maternità, ma liberare la maternità scelta e voluta dagli ostacoli che ancora incontra e ottenere – contemporaneamente – il ruolo che si vuole nel mondo del lavoro e nella vita pubblica, politica: le donne delle classi lavoratrici in Italia non sono libere di essere madri tutte le volte che lo vogliono (disoccupazione, lavoro precario e sottopagato, part time spesso imposto, carenza e alto costo di servizi per l’infanzia e per la terza e quarta età) e, anche quando riescono a essere madri, non hanno le condizioni materiali per poter partecipare alla vita pubblica, politica.
Vorrei accennare al tema dell’adozione, a mio parere troppo ignorato dalle donne: un modo per far nascere alla cura e all’amore esseri umani già esistenti; un modo per essere madri che non causa alcun problema alla salute delle donne, come invece fanno i bombardamenti ormonali legati alla fecondazione assistita.
Mi ha molto colpito la critica della vulgata secondo cui noi siamo i “comuni mortali”, mentre esistiamo in quanto siamo “natali” e sono ancor più orgogliosa e felice di essere donna da quando ho letto che alla filosofia di morte di Martin Heidegger (l’essere-nel mondo-attraverso-la- morte) si è contrapposta la filosofia della nascita di Hannah Arendt e di Maria Zambrano. Se non fosse che per questo aspetto è fondamentale leggere il libro di Rosella Prezzo. Ho a casa vari libri che trattano delle filosofe nel mondo e alcuni di questi ignorano totalmente Maria Zambrano. Ovviamente non ho fatto uno studio sistematico in questo senso, ma desidero segnalare un fatto che mi ha colpito negativamente.
Il dato della nascita come fatto meramente biologico di Martin Heidegger aveva trovato la sua estremizzazione in una strofa di Bonvesin de la Riva, intellettuale milanese del XIII secolo, dell’Ordine degli Umiliati, notissimo autore de “Le meraviglie di Milano”, che nella sua opera “Il libro delle tre scritture” aveva scritto: “La nascita dell’uomo è di colore nero / perché egli è generato da schifose interiora / dove il sangue è mischiato con puzza e con sozzura.”
Anche il cattolicesimo – incarnato in una istituzione totalmente maschile – è una ideologia di morte, basata sulla colpa, sul peccato, sulla punizione, anche simboleggiata come è dal Cristo in croce, più o meno sanguinante.
Matriarcato e patriarcato, un tema che mi appassiona, soprattutto in quanto donna che ha dedicato e dedica tuttora la sua vita all’impegno politico nella prospettiva di costruire una società più giusta e solidale, o – che dir si voglia – meno ingiusta, meno violenta, meno individualista ed egoista di quella capitalistica attuale.
Non mi stupisce che per l’uomo maschio Sigmund Freud il patriarcato costituisca un progresso della ragione e del giudizio razionale rispetto al matriarcato. Non condivido però quanto scrive Rosella Prezzo: “Una risposta a tale concezione…non credo però possa venire da un semplice ribaltamento, riconducibile a un “primato” di una società matriarcale su quella patriarcale.”
Le studiose delle società matriarcali – alcune delle quali ancora esistenti in vari continenti esclusa l’Europa – mettono sempre bene in chiaro che matriarcato non è l’opposto di patriarcato, cioè non è l’oppressione del genere femminile su quello maschile; una società matriarcale è una società “venuta prima”, nel Paleolitico, e soprattutto è una società egualitaria, pacifica e solidale, basata sulla proprietà comune e sul ruolo centrale delle madri nell’organizzazione della vita economica e sociale; sulle madri che ricevevano tutti i beni prodotti e li conferivano ai vari componenti del clan secondo il bisogno, indipendentemente dall’apporto dei singoli.
Solo società organizzate con le modalità matriarcali potranno salvare la sopravvivenza del genere umano e della vita in generale sul pianeta.
Milano, 28 marzo 2024

Continua a leggere »

Anticipazioni – Marco G. Maggi

Pubblicato il 20 maggio 2024 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: https://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa
*****

Marco G. Maggi
Inediti

Con nota di lettura di Adam Vaccaro
***

Nota di poetica
Scrivo avvertendo una reminiscenza, il richiamo dei ricordi, ma la mia scrittura si confronta anche con la quotidianità dell’attimo, a volte si fissa sul particolare o sull’oggetto più banale per rimandare a discorsi ed evoluzioni più profonde. Nelle mie poesie la natura ha un’importanza particolare: sono nato e cresciuto in una zona agricola in quella fetta di pianura che si estende da Milano fino all’appennino ligure, ma in realtà sono e resto concentrato sull’umanità, che guardo con sguardo compassionevole, a volte mosso anche da impeti civili, perché mal sopporto i soprusi e le ingiustizie. Per la tipologia degli argomenti proposti ho scelto quindi di esprimermi con il verso libero, al quale non disdegno di aggiungere, di tanto in tanto, versi in metrica, soprattutto endecasillabi, perché la poesia non dovrebbe perdere mai, a mio avviso, la sua capacità di diventare canto e quindi la sua espressività orale.
Un tema che mi è sempre stato caro, e a cui sto indirizzando la mia scrittura degli ultimi anni, è il tema del lavoro, sul quale incide anche la mia esperienza personale e famigliare: anche in questo caso si toccano tasti molto delicati. In piena pandemia ho iniziato quindi questo progetto, del tutto work in progress, il cui titolo rimane ancora vago ma che, orientativamente, dovrebbe essere “La fabbrica della gomma”, che dovrebbe costituire una silloge a cui potrebbero aggiungersi anche testi inediti degli ultimi anni.

Continua a leggere »

Trasmutazioni – Adam Vaccaro

Pubblicato il 16 maggio 2024 su Scrittura e Letture da Adam Vaccaro

Visioni e sfide di Perseo
Laura Cantelmo

Adam Vaccaro, Trasmutazioni – Alchimie in Caoslandia, puntoacapo Ed, Pasturana (AL) 2024

La recente raccolta di Adam Vaccaro – Trasmutazioni – Alchimie in Caoslandia – dà nuovo respiro all’indagine di ispirazione civile e politica da lui prediletta, riprendendo il discorso intrapreso in Google- il nome di Dio (2021) intorno ai molteplici aspetti e agli inganni del Potere, per altro già presenti nelle opere precedenti, tanto da apparire una delle tappe di un poema incessante.
Il tono e l’intera impalcatura di Trasmutazioni sono, dunque, in perfetta sintonia con le opere già pubblicate nell’indicare gli aspetti sempre più evidenti di una degenerazione dei rapporti economici e sociali dovuta alla globalizzazione, al predominio dell’economia di mercato, nonché alla crisi delle Grandi Narrazioni. Il tutto aggravato dall’uso delle moderne tecnologie e quindi da una spersonalizzazione del Potere, divenuto invisibile e, in quanto tale, sempre più disumano e spietato. Confermando, per altro, la rappresentazione tramandata dall’antichità, come entità di natura infera e mostruosa, benché sottoposta – nell’agostiniana Civitas terrena – al controllo dell’Etica. Concezione successivamente superata, in seguito alla separazione della Politica dall’Etica – e da altre forme di controllo, quali la legge e il diritto – come già dimostrato da Machiavelli.
La mostruosità del Potere come Questione del Male. La figura di Perseo
Il tema del Male, che appassiona Vaccaro, si è sempre imposto anche nell’interesse manifestato dalla filosofia, nonché dalla vasta letteratura che ne ha indagato gli aspetti più rilevanti. Pensiamo, ad esempio al Leviatano di Hobbes (1651), il trattato di teoria politica che ha come fulcro la questione dello Stato come entità mostruosa, simbolicamente incarnata nel Leviatano, il mostro centipede tratto dalla Bibbia, Libro di Giobbe, che affronta la questione del Male. Ed è la connessione col Potere politico, nelle sue varie espressioni, ad essere qui affrontata da Vaccaro, con la stessa passione civile e politica che in questo Poeta già conosciamo, capace di dettargli versi scabri, veementi e sardonici, caratteristici del suo stile. Anche la creazione di divertenti, benché sarcastici lemmi, come il neologismo Caoslandia, nasce da un’ironia che si esercita soprattutto nella creatività lessicale.
Gli strali vengono equamente suddivisi tra chi esercita il Potere politico nello spaesamento del nonluogo, che è la condizione che oggi viviamo, e i cittadini – “pescatori intrappolati da bi/sogni, illusioni d’amore”, sudditi inconsapevoli della beffa operata a loro danno (“Reti”). In realtà, si avverte un malcelato senso di pietas nei riguardi di costoro – i cittadini vittime delle sirene del Potere – che sanno “far /diventare persino il nulla e il vuoto di un/ nonluogo, un luogo pieno di…/…sogni d‘anima in cerca di comunità.” Nella comunità, parola chiave e concetto fondamentale nella poetica di Vaccaro, il Poeta riconosce l’antidoto alla frantumazione sociale del nostro tempo. Il profondo anelito alla socialità, per non sentirsi entità isolate è da lui vissuto ora con stizza, ora con dolore, ma sempre rivendicato con profonda nostalgia.
La tematica al centro dell’interesse poetico e politico richiama inevitabilmente anche le origini mitiche legate alla eroica figura di Perseo, uccisore di Medusa – che è una delle tre mostruose Gorgoni, altro simbolo del Potere, a cui fa riferimento, tra tanti, anche Italo Calvino, nelle Lezioni americane.
Grazie allo stratagemma suggeritogli da Atena, Perseo riesce a non guardare il volto orrifico della Gorgone Medusa, ma solo la sua immagine riflessa nello scudo lucidato a specchio, fornito dalla Dea, tanto da non subirne il paralizzante sguardo che pietrificherebbe chiunque lo fissasse. Secondo alcuni studiosi del tema, la grandezza simbolica dell’eroe Perseo consiste nell’avere con coraggio vinto la paura, riuscendo ad evitare lo sguardo del mostro, venendone a conoscere solo l’immagine riflessa, così da poter rivelare l’Inguardabile all’umanità (v. Marco Revelli, I demoni del potere, Laterza, Bari 2012). Come riferisce Calvino, a liberare gli umani “dalla morsa di pietra” sarà la sua eroica funzione di medium nel trasmettere la conoscenza della ferocia del Potere.
Lo studio di questo perturbante mito si irradia in molte interpretazioni, ma è interessante citarne la valenza simbolica per affrontare l’itinerario poetico di Vaccaro, al quale potremmo attribuire, mutatis mutandis, un ruolo simile a quello di Perseo: lo smascheramento dell’orrore insito nel Potere e nelle sue numerose trasmutazioni subite nella Storia.
Agli occhi del Poeta, gli umani appaiono succubi del raggiro e dell’inganno, avendo ormai smarrito qualsiasi capacità di pensiero critico, a causa delle tecnologie comunicative e della feticizzazione della scienza, che sono strumenti efficacissimi di manipolazione e di propaganda: tali si mostrano gli “stolidi criceti” al servizio del “mostro Stato” (“Criceti alla ruota”). Di qui l’auspicio di una trasmutazione dei cittadini da bruchi in farfalle, in esseri consapevoli del loro vivere responsabilmente in questo mondo:
“Inventare un vento nella vertigine senza scampo”.
L’organizzazione quadripartita della raccolta, simile a quella del precedente libro, offre una scansione paradigmatica dei temi trattati. Se ipotizziamo che i temi siano in realtà maschere dell’Autore, possiamo individuare le tappe del discorso, che John Picchione, nella prefazione, definisce mappe conoscitive, di natura etica e politica, ma anche campi semantici, evidenziando la ricchezza del lessico, delle figure retoriche e della metrica, abilmente utilizzate – come la tmesi e l’ellissi – al fine di ottenere una significativa concisione del linguaggio, attraverso la pluralità semantica dei significati e il movimento alterno tra l’asse diacronico e quello sincronico della Storia.
Appare chiaro che i testi che compongono queste ultime raccolte sono intesi a combattere l’afasia generale con lo svelamento di alcune “immagini” del Potere, fustigando l’inerzia dei “sudditi” mediante una vis polemica e rivoluzionaria su cui si basa il carattere epico della narrazione. Grazie al quale non compare mai un Io narrante, ma solo il racconto di un soggetto onnisciente, come nell’epica classica.
La visione catastrofica del tempo attuale, come cumulo di macerie devastato dalla crisi climatica e dalle scelte economiche neoliberiste, apre la prima sezione, Frane quotidiane. I singoli testi paiono quadri di una mostra di arte visiva relativa alla condizione sociopolitica del nostro paese, tra i quali potremmo trovare persino l’Angelus Novus di Klee, il cui sguardo fisso sulle rovine del passato ha ispirato l’immagine dell’Angelo della Storia di Benjamin.
Nella prima sezione Frane quotidiane, in apertura viene indirizzata una frecciata al Patriarcato vigente: il “sole maschio/ sepolto nei suoi deliri di conquista.”, nel breve testo sul rapporto tra i sessi (“Altari e deliri”). Sullo sfondo di un paesaggio desolato si apre il grande affresco della crisi socioeconomica e culturale odierna, determinata anche dall’incapacità generale di comprendere il presente, nella vana attesa di un “Godot” senza nome, di per sé, già perdente. La denuncia dello sfruttamento dei riders (“Eroi quotidiani”), i nuovi proletari che in funzione di fattorini percorrono in bicicletta le nostre città per servire pasti a domicilio a giovani incapaci di autonomia e di pietà verso i diseredati, mette in evidenza le carenze educative di un sistema di vita. Sono, essi stessi, malinconici esemplari, a suo vedere, di una società narcisistica e autoreferenziale (“Nel regno D’Io”), priva di prospettive future. Molto severo il giudizio sulla gioventù attuale: insensibili verso la bellezza e intrappolati nei non luoghi del consumismo, essi sono fatalmente destinati all’infelicità. La visione tragica di un mondo devastato da povertà, diseguaglianze e guerre, piagato dall’assenza d’amore, richiama l’analisi di Baumann sulla società liquida, pur rispettando, come base filosofica e politica di riferimento, il materialismo storico e le teorie sociologiche ad esso collegate.
La seconda sezione, Pietre senza luna, individua i molti aspetti della crisi a livello geopolitico, criticando la globalizzazione, la subalternità dell’Europa agli USA, patria del disastroso neoliberismo imperante, dove il Dottor Stranamore usa la guerra come una partita di scacchi finalizzata al profitto (“Dottor Stranamore 2022”). Di fronte ad essa vediamo il “popolo” schierarsi acriticamente a sostegno di uno dei contendenti, come in un Derby calcistico, Protagonisti dei testi sono gli ultimi della società, i poveri, i migranti, l’aspetto terrificante dello scontro in Palestina, con i territori ridotti a “campo senza fine di sterminio”. Un elenco di disvalori che dipinge in termini realistici la distopia in cui siamo immersi – “…vittime/ fino a quando/ saremo tifosi di paure diverse”. (“Frantumi”)
La terza sezione, Sassi volanti, evoca il mito di Davide (senza Golia), indirizzando gli strali verso lo sfacelo dell’informazione fuorviante, incarnata simbolicamente in una nota e influente conduttrice televisiva (“Virago della Settima”), nell’assoluta abulia della popolazione, incessantemente bersagliata da immagini di tragedie di ogni genere. La possibilità di un superamento degli ostacoli, già velatamente individuabile nelle sezioni precedenti, appare qui più esplicita: “Se un sasso / ferisce il tuo passo/ tu fanne canto momento/ moto teso a un salto più alto”. (“Sassi e scale”).
In Pietre miliari, sezione finale, si ampliano gli spiragli di luce, grazie alla memoria della terra d’origine, quel Molise che rivive nelle descrizioni e nelle rievocazioni dei personaggi e dei profumi della campagna. La dolcezza dell’ispirazione, affidata alla leggendaria dimensione assunta nelle rimembranze delle radici, contrasta con il ricordo della durezza della vita da migrante (“Origano molisano”) “ai piedi del monte più duro da scalare”: proprio nel momento dei bilanci di un’intera esistenza, il Poeta ripercorre a ritroso la dura fatica di quei giorni.
Una sezione aperta alla speranza, quest’ultima, nonostante gli ostacoli, “i sogni d’Icaro” che ne hanno segnato il cammino (“Trasmutazioni”). Nel tempo di vita che rimane, ormai poco margine è affidato al sogno, eppure la riproposizione di un testo tratto dalla precedente raccolta – “Lettera di Wilma” – rientra coerentemente nella struttura ideale come pilastro portante, al quale trovano sostegno i valori ideali di riferimento. La potente immagine della staffetta partigiana – suocera del Poeta – illumina di attese e di intensa passione questi ultimi testi, come spinta per un’idea di futuro, diversa e contrapposta alla negatività del presente, attraverso le parole di Wilma: “Forza, la vita è ancora vostra e sta sola nelle vostre mani.” Il richiamo alla storia di quegli anni, quando il sogno si era fatto progetto di vita e strategia di lotta per l’avvenire, rivive in questo testo come impulso epico verso il cambiamento.
Quella stessa passione ispira la poesia che, nella postfazione, anche Gabriella Galzio, ha interpretato come dichiarazione di poetica: “Arrivano come perle parole che non sai/…/ perle sapienti di salvezza” (“Perle”) ribadisce l’assioma secondo cui la poesia sgorga dall’intimo ed è strumento o vento di redenzione. Le madeleines di Vaccaro sfilano in questa sezione come in una sequenza filmica: immagini, suoni, profumi, voci e visoni del paese natale accompagnano la storia di un ragazzo emigrante, come quelli presenti nei canti di lavoro della nostra giovinezza. Sono versi che risuonano come l’invocazione alla Musa nei poemi classici:” Profumami origano di colline molisane/ i miei ricordi di ragazzo inerpicato/ nei suoi sogni saporosi/ come le fette di pane e pomodoro” (“Origano molisano”). Sullo sfondo vediamo sfilare, come nobili icone, le donne che portano maestosamente sulla testa la tina – l’anfora colma d’acqua – “fatta corona di/ trionfanti regine…/ brave e schiave/ di un tempo avaro di diritti” (“La tina”).
Nel finale, la memoria dei primi tempi vissuti a Milano si colora della nostalgia di come eravamo, quando i tram erano verdi, non contaminati dagli annunci pubblicitari, nudi e semplici come pareva la vita in quei giovani anni, a dispetto delle inquietanti trame nere ordite nell’ombra. Icone di un tempo non ancora posseduto dal consumismo, che ci avrebbe tramutati in uomini e donne a una dimensione.
Un commento a parte meritano i brevi, aforistici “Auguri”, che chiudono ogni sezione, allentando la tensione con un sospiro di sospensione e di speranza. L’ultimo di essi rappresenta l’invito a raccogliere le energie per risorgere dopo le cadute, allorché le forze cedono e lo smarrimento ci invade:
“ma è solo un attimo – e la tua isola lo sa”.
15 giugno 2024

Continua a leggere »

Distanze verticali – Irene Sabetta (cura)

Pubblicato il 7 maggio 2024 su Scrittura e Letture da Adam Vaccaro

AA.VV., Distanze verticali. Escursioni poetiche sulla montagna
A cura di Irene Sabetta, Macabor editore, Francavilla Marittima (CS), 2024
(Nota di lettura, Carlo Di Legge)

C’è un oriente/dentro ogni cosa, e un bosco di voci lontane/che ti frastornano
quando il loro sole si accende – Edoardo Zuccato, p. 106

… si rivela la sacralità attraverso le strutture stesse del Mondon – M. Eliade, Il Sacro e il profano, p. 75

Avendo optato per la regia di questo libro, con poesie di autori così diversi sulla montagna, Irene Sabetta lo fa con semplicità. Credo si tratti di un libro che è esso stesso come una montagna, piena di nascosti sentieri, progetto di scorci e visioni che si aprono d’improvviso.
La semplicità sta nello spirito e nella nota introduttiva, che a sua volta inizia con un brano di Antonia Pozzi –ne riporto la fine. Lei scrisse “là in alto, anche la materia, la colossale materia che ci attornia, non sembra inerte o ostile, ma viva ed amica” (p. 7). Si mostra il senso simpatetico della universa partecipazione, della comunanza di tutte le cose, in un tipo di mondo dove anche la materia va intesa come vivente, come essere pulsante e animato, del tutto partecipe della vicissitudine del vivente? Il mondo di Giordano Bruno, tra gli altri… Certo, e non si tratta sempre di una madre affettuosa: la materia, la montagna è anche dura, essa “non ti tratta con tenerezza” (A. Manstretta, p. 59).
Ecco, si può dire in modo lineare cose che non credo lo siano. Una vera sfida.
Le carte sono subito scoperte nella introduzione, con la citazione da R. Daumal: la montagna, ogni montagna che s’immagini anche in parola, è “un’altra montagna che unisce la terra al cielo” (p. 7); in proposito, aggiungo, cfr. M. Eliade, che si riferisce a credenze religiose le più diverse, in cui la Montagna (Sacra) “congiunge la Terra al Cielo” (Il Sacro e il profano, p. 30). Quel cammino, che sa ogni amante della montagna, diventa “metafora del cammino per diventare ciò che si è” (Sabetta, p. 8), qualcosa di cui nelle letterature, religiose o meno, si trovano innumerevoli esempi – basti pensare alla montagna del Purgatorio nella Commedia dantesca, al Sinai, al monte di Sion… .Pratica della montagna comporta, anche per chi semplicemente lo fa senza essere consapevole, memoria di vicende iniziatiche, di cui testimoniano le differenti Scritture trasmesse: in generale il cammino della montagna come “l’esistenza umana, nella misura in cui essa si adempie, è essa stessa una iniziazione” (Eliade, p. 132). Ogni cosa che facciamo può essere carica di significato, ciò che si fa può essere sempre molto di più di quel che sembra.
Dunque la montagna evoca l’alto, a cui sembra unirsi, e l’ alto “continua a rivelare il trascendente in un qualsiasi complesso religioso” (Eliade, p. 82); citando la scala nel celebre sogno di Giacobbe, lo studioso osserva che una teofania ammette in sé un luogo per il fatto che esso è “aperto” verso l’alto cielo (cit., cfr. p. 22) – in Cina esistono molte imponenti montagne sacre al taoismo, al buddhismo, al confucianesimo: così si ritengono sacre le montagne in India, Giappone, Australia e America… ma non necessita andare lontano. Montagna è lontananza nel qui presente, che occorre raggiungere. I fedeli – e i turisti ardimentosi – si arrampicano, cosa che a volte è non facile (i più prudenti preferiscono l’ascesa in teleferica!).

Continua a leggere »

Cibi per la Mente

Pubblicato il 30 aprile 2024 su Eventi Suggeriti da Adam Vaccaro

Food-Art – Cibi per la Mente
—————————————

Serie di Incontri di Arte e Poesia
a cura di Annitta Di Mineo
***
2 maggio 2024 – H. 18
Alla Galleria Bagutta
Corso Garibaldi 17 – Milano
***
Resistenze e ragionevoli Utopie
con
Adam Vaccaro e Gabriella Galzio
Conferenza e Reading poetico
***
Saranno presenti:
Luigi Cannillo, Roberto Caracci, Francesco Di Garbo, Annitta Di Mineo,

Andrea Diella, Gabriella Galzio, Giacomo Graziani, Franco Paone,

Continua a leggere »

TRASMUTAZIONI – Alchimie in Caoslandia, Adam Vaccaro

Pubblicato il 29 aprile 2024 su Eventi Milanocosa da Maurizio Baldini

                                                                                           

Via Laghetto 2 – Milano

6 maggio 2024 – ore 17-18,45

Continua a leggere »