Adam Vaccaro

Anticipazioni – Christian Tito

Pubblicato il 1 maggio 2018 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa

*****

Christian Tito

Poesie inedite

***

Con un commento di Adam Vaccaro

***

La più poderosa sensazione che Milano sia una città estremamente affascinante e di una bellezza non convenzionale la ebbi guardando il tempo dei gitani di Kusturica attraverso gli occhi di Perhan, giovane protagonista che, per una serie di vicissitudini legate alla sua uscita dalla Jugoslavia, precedente alla dissoluzione della repubblica titoista, si trova a vivere la capitale lombarda in una randagia vita marginale. Abitavo a Milano da poco più di un anno e sentii, guardando quel film, felicità e stupore per i brevi frammenti che ritraevano la città in cui vivevo da poco sotto una luce completamente nuova. Saltavano improvvisamente tutti i comprensibili stereotipi legati a moda, design e aperitivi fashion e si apriva un ventaglio molto più ampio sulle sue contraddizioni e i suoi contrasti da cui mi sentivo molto attratto. A quei tempi lavoravo per le Farmacie comunali che erano in prevalenza dislocate nei quartieri periferici. Nei lunghi intervalli lavorativi amavo girare a piedi; spesso in solitudine. Di frequente attraversavo le strade più nascoste di Corvetto, Quarto Oggiaro, Barona, Giambellino e, soprattutto grazie alla mia professione, entravo nelle case di chi in quelle zone ci abitava.
Milano e la sua gente, ovvero tutti gli uomini che in essa vivono o quotidianamente vi transitano, sono state e continuano a essere per me fonte di ispirazione e questo, mi accorgo oggi, dopo 16 anni in cui è qui che vivo, ha generato un legame forte; un affetto profondo.

Continua a leggere »

L’origine – di Domenico Cipriano

Pubblicato il 5 aprile 2018 su Saggi Poesia da Adam Vaccaro

L’origine e l’Appartenenza
In L’origine di Domenico Cipriano

Adam Vaccaro

Domenico Cipriano, L’origine, l’arcolaio, Forlimpopoli, pp.60, 7€

Ci sono poesie che leggiamo con una operazione mentale di sguardo dall’esterno del suo altro o estraneo, che il piacere del testo tras-forma in alimento di crescita della nostra identità, nel suo moto vitale, autopoietico e proteiforme. Ci sono poi testi (e intendo con ciò anche immagini, suoni, emozioni ed esperienze di qualsivoglia condivisione intensa), come L’origine di Domenico Cipriano, che sono materia e specchi subito riconosciuti parte di noi. È un tipo di condivisione che dona senso di appartenenza in quel tutto che possiamo prendere sempre e solo in parte, magari per “la grazia di frammenti/ provenienti da lontano”, o per qualche “dettaglio marginale – sepolto e inaccessibile –/ che compensa l’angoscia/ la distanza sconfinata dalle stelle” (p.23).
Già con questi versi viene divaricata la complessità non riducibile delle nostre esperienze. Di quel Tutto, che pure è utero che fa di noi ciò che siamo, non riusciamo peraltro a vincerne il senso di distanza insopportabile. A cominciare da quello che Claudio Magris chiama primogiardino, luogo della nostra prima visione e (ri)creazione mentale del mondo. In tutti i casi la poesia ci affascina se sa dirci che “la memoria è un cuscino ardente”(p.35), voce dell’anima comune nel mare di ricchezza e molteplicità di una umanità, che chiede virtude e conoscenza.
Una complessità che comincia nell’incrocio strabico che fa vedere anche noi stessi come “dal di fuori”. Ma il “chiarore della mente/ che non lascia arrendere la conoscenza”, può farsi epifania di una sollecitazione etica: “salviamo la distanza” (p.22). Che qui vuol rovesciamento di clessidra, operazione mentale e vitale per la quale ciò che ci appare esterno diventa nostro, il nonluogo diventa luogo, e l’estraneo diventa fratello. Il che vale anche per la nostra immagine riflessa in uno specchio all’inizio del nostro percorso di formazione. O parimenti per lo specchio-scrittura, rispetto al quale c’è l’atteggiamento di chi si compiace del suo tasso di falsificazione o ri-velazione; e chi, invece, come Cipriano, dice “Soffro la distanza della scrittura”(p.33), per cui tutta la sua azione poetica diventa (f)attore prezioso di una tensione tesa alla riduzione di tale distanza.

Continua a leggere »

Anticpazioni – Massimo Pamio

Pubblicato il 15 marzo 2018 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa

*****

Massimo Pamio

Inediti da Indivinazioni

***
Con un commento di Adam Vaccaro
***

L’ultimo mio libro è uscito nel 2010. Ho continuato a scrivere con alacrità, ma non ho più pubblicato nulla, non ne conosco neanch’io le ragioni: forse perché non ritengo che esista più un pubblico della poesia attento e sensibile, non si riusciva prima a trovare qualcuno che amasse cordialmente, sinceramente, la poesia, figurarsi adesso, in questo periodo in cui un’enorme flusso di dati e di scritti ha invaso i molteplici piani della comunicazione, rendendo la poesia un dato informativo eccessivo, superfluo, ridondante.
Forse, è nel silenzio che la poesia può veramente sopravvivere e non nel mondo del blabla, degli urlatori che alterano non solo il tono ma anche le sintassi delle parole. La parola conduce al silenzio e dal silenzio trova linfa, i poeti sono eremiti che abbandonano l’io a una sorte interiore, per fare ingoiare l’io da abissi, da profondità ctonie. Così ho incontrato un poeta sensibile che ha voluto duecento miei versi e li pubblicherà su una rivista, il lavoro poetico che va dal 2010 al 2012. Ve ne anticipo una piccola parte inedita, che non è una vera anticipazione, ma una posticipazione del mio fare poetico. Un ritorno al passato, per meglio ascoltare il silenzio del mio tempo. Il vero anticipare è, oggi, venire da, essere lontani, procrastinare, rendersi invisibili.

Continua a leggere »

La neve e il senso – in Amedeo Anelli

Pubblicato il 23 febbraio 2018 su Recensioni e Segnalazioni da Adam Vaccaro

La neve e il senso

in Neve pensata
di Amedeo Anelli, Mursia, 2017 – pp. 69, 15€

Adam Vaccaro

Un piccolo intenso libro che irradia e inonda di sensi. E non meraviglia, considerato l’Autore, che con la rivista Kamen da decenni non smette di aprire spazi europei e internazionali, alla cultura e specificamente alla poesia nostrane, spesso tendenti a chiusure provinciali. È un libro che, già col titolo impone di…pensare. O meglio ripensare, qualcosa che dovrebbe essere ormai banale, cioè la differenza irriducibile tra cosa e parola, che tuttavia spesso, perfino per una parte degli scriventi, non così scontata. Il pensiero, il pensare, è esercizio che oggi scivola facilmente su sassi e frane tecnologiche, tra i quali il cartesiano cogito ergo sum è fagocitato da clic che spillano anziché flussi da botti colme di liquori distillati dal tempo, sequenze arroganti di dictatoriali pacchettini di presente senza memoria.

Continua a leggere »

Anticipazioni – Paolo Valesio

Pubblicato il 1 febbraio 2018 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa

*****

Paolo Valesio

INEDITI
Un colpo di vento fra le cose

***

Con un commento di Adam Vaccaro

***

Sento la dimensione trascendente come qualcosa che sempre appare/traspare, e resta sempre elusivo; e inoltre cerco di mantenere una posizione di equidistanza fra la dimensione del sacro e quella del profano. Ciò significa, fra l’altro, che la mia non è poesia religiosa.

Continua a leggere »

La poesia come seme e raccolto

Pubblicato il 28 gennaio 2018 su Recensioni e Segnalazioni da Maurizio Baldini

La poesia come seme e raccolto
in Seeds di Adam Vaccaro

di Luigi Cannillo

)°(

Seeds di Adam Vaccaro, Selected Poems 1978-2006
Selected, Edited, Translated and Introduced by Sean Mark, Chelsea Editions, New York, 2014

Adam Vaccaro svolge da decenni attività culturale e letteraria non solo nello specifico ambito della scrittura poetica ma anche in quello della critica e della progettazione e organizzazione di eventi. Così, accanto e insieme alle diverse raccolte di poesia è rilevante la sua opera critica, per la quale, oltre ai numerosi interventi su riviste cartacee e in rete, è da ricordare il suo Ricerche e forme di adiacenza, Asefi, Milano, 2001. Infine, ma non da ultima, è indispensabile ricordare la sua attività di fondatore e organizzatore dell’associazione culturale Milanocosa. Si tratta quindi di una presenza a tutto tondo, che mette in primo piano lo sviluppo di un pensiero vigile e critico nei confronti del contesto sociale e politico nel dialogo tra diversi linguaggi espressivi.

Continua a leggere »

Per Francesco Leonetti

Pubblicato il 17 dicembre 2017 su Senza categoria da Adam Vaccaro

Brevi memorie di Francesco Leonetti

Adam Vaccaro

L’immagine di Francesco Leonetti che rivive in me è di energia intensa, di lingua che affonda subito nelle cose e nei sensi, sia di chi ascolta sia del corpo del proprio discorso. Lingua, in ogni caso, critica sull’esistente. Gli diedi qualcuno dei miei primi libri di poesia negli anni ’90 e, quasi con mia sorpresa, mi comunicò subito il suo apprezzamento di una scrittura, da lui giudicata di “impatto di forte espressionismo”. Questo mi incoraggiò a proseguire scambi e contatti, in particolare relativi al mio progetto che nella seconda metà degli anni ’90 era incentrato su quello che poi prese il nome di Milanocosa.
Mi sostenne quando il progetto riuscì a darsi una consistenza, grazie alle adesioni di tanti amici, milanesi e no, non solo letterati,. E, soprattutto quando nel 2000 arrivai a definire quel momento importante che fu il “Convegno Scritture / Realtà”, del 18 e 19 novembre 2000, divenne (insieme, tra gli altri, a Giuliano Gramigna, Gilberto Finzi, Gio Ferri) uno dei miei interlocutori più importanti per la definizione di quell’evento. In particolare, i colloqui con lui e Gramigna furono decisivi, per definirne il nome. Poi, insieme a un consistente gruppo di lavoro, vennero scelti oltre 50 relatori dei campi e linguaggi più vari (che andavano dalla poesia alla critica, alla psicoanalisi, alla filosofia, alla scienza, all’arte visiva ecc. ) con cui Milanocosa diventò fatto di rilievo nel panorama culturale di Milano e oltre (cfr Atti Milanocosa del 2003).

Continua a leggere »

Anticipazioni – Guido Oldani

Pubblicato il 1 dicembre 2017 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa

*****

Guido Oldani

PER I REALISTI TERMINALI
Tre inediti
*****
Con un commento di Adam Vaccaro

*****

Nota di poetica – Che cos’è il Realismo Terminale: s’incentra sulla similitudine rovesciata. Es. : La poesia odierna è un coltello senza lama.

Guido Oldani

Spiaccicato

il temporale in corso si è svenato,
sono finiti tutti i suoi rumori
ci lascia troppa roba da asciugare.
il sole pomodoro stramaturo
è spiaccicato come sotto un piede
e gronda quale un phon giù il suo calore,
che, per contrasto fa rabbrividire
quindi il black out e il ladro ha le sue mire.

Continua a leggere »

Seeds (e non solo) a Piacenza

Pubblicato il 12 novembre 2017 su Resoconti da Adam Vaccaro

Ieri è stata una occasione (vedi a http://www.milanocosa.it/eventi-milanocosa/seedsviaggio-con-la-poesia-di-adam-vaccaro) che ha onorato non solo il mio fare con attenzioni critiche e un pubblico molto qualificati, quali quelli promossi dalle iniziative culturali proposte dal Museo della Poesia di Piacenza. E voglio dare innanzitutto rilievo adeguato a strutture come questa, nate e gestite dalla passione di singoli, che nel caso sono Massimo Silvotti (poeta e artista) e alcuni collaboratori, che si impegnano con altrettanta passione e identico titolo volontario.

Continua a leggere »

Seeds – incontro con Adam Vaccaro

Pubblicato il 27 ottobre 2017 su Eventi Milanocosa da Maurizio Baldini

Il Piccolo Museo della Poesia di Piacenza

Via Pace, 5 – Piacenza

in collaborazione con

l’Associazione Culturale Milanocosa e Chelsea Editions

presenta

Viaggio con la poesia di Adam Vaccaro

semi di senso sotto il sole del pensiero unico

seeds

Seeds, Chelsea Editions, 2014

11 Novembre 2017 – h. 17,30

Dialogano con l’autore

Amedeo Anelli e Luigi Cannillo

***

Intervengono: Giancarlo Majorino, Guido Oldani e Massimo Silvotti

scarica la locandina .

Info:

Piccolo Museo della Poesia – via Pace, 5 Piacenza, www.piccolomuseodellapoesia.it  silmasmina@libero.it – Tel. 347 0359629
Associazione Culturale Milanocosa – www.milanocosa.itinfo@milanocosa.it – Tel. 3477104584

Continua a leggere »


Benvenuto

Sei sul sito di Milanocosa, l'associazione culturale che svolge attività di promozione culturale secondo criteri di ricerca interdisciplinare con l'obiettivo di favorire la circolazione e il confronto fra linguaggi, ambiti e saperi diversi, spesso non comunicanti tra loro. - Libri