Buona Estate

Pubblicato il 1 agosto 2018 su Senza categoria da Adam Vaccaro

Auguri di Buona Estate

Gabriela Fantato – La seconda voce

Pubblicato il 22 luglio 2018 su Recensioni e Segnalazioni da Adam Vaccaro

Gabriela Fantato, La seconda voce
Transeuropa, Massa, 2018 – pp. 64

Rivendicazione umile, è l’ossimoro che emerge da questi testi, immersi e innestati nel flusso ardente e circolante nelle carni di chi scrive. Che viene rivissuto, rivisitato e fatto fonte incessante di Rinascita, di Parola e Voce nuova, appunto, di seconda voce, che dà il titolo e il senso della raccolta. Seconda, quindi, che qui non ha riverberi di secondario, minore, ma di rinnovata vita nova. Termine che è anche nel nome della Collana di poesia, “NUOVA POETICA”, che accoglie il testo. E che sia un caso o meno, non importa.
Conta che l’elaborazione del nuovo, implica conoscenza, quindi passione per ciò che precede, pur senza appiattimento acritico da epigono: rivendicazione ferma e umile di amore, capace di ridare vita nuova alla ricchezza racchiusa, impressa e trasmessa nella e dalla Poesia che più ci coinvolge – vedi il poemetto che chiude il libro, Marina Cvetaeva, l’ultima notte.
Ma questo è solo uno dei due flussi radicali che genera la poesia di Gabriela – in particolare in questa raccolta –, quello che trae alimento da voci e scritture precedenti. L’altro alimento del libro è innervato nel contesto storicosociale, in cui l’esperienza – a diretto contatto o a distanza, nel tempo e nello spazio – sa trarne intensità ed essenze di fiori e tenebre. Sa farsi carne del Soggetto Storicoreale (SSR), per poi tradursi in voce del Soggetto Scrivente (SS).
Nel libro agiscono entrambi questi due corpi radicali, come pilastri costitutivi di una forte tensione alla totalità intra e intersoggettiva, che chiamo Adiacenza, che costruisce forma e intreccio delle lingue del testo e delle sue forze della forma, tratte dunque sia dalla stanza che nella strada.
Voce e parole che vogliono farsi Verbo sacrale (come sottolinea in Prefazione Laura Liberale), ispirato sia dal canto di carte – per l’Autrice – alte, sia da pre-testi incarnati da vite altre, fonti di dittati amorosi ed etici che impongono il dono di restituzioni degne, tra-dotte in materia e passione di poesia. Scorrono così, quasi come ex voto, memorie e figure che vanno da affetti famigliari a squarci di esperienze politiche condivise, a vicende drammatiche singole e collettive.
Ne scaturisce un moto che fa parlare di nuovo o dà voce a chi/cosa non ha mai parlato, vittime – in particolare femminili, benché prive di aloni femministi – i cui nomi tendono ad ammassarsi e a sparire irrilevanti: “il tormento sfiora le cose”, canta un verso, e sta in questo tormento la linfa adiacente che si fa “seconda voce”, di una pietas riparatrice contro una “Unica certezza, unica sorte/ una comunità d’ignoti, in marcia, in ressa,/…/dentro l’addio.” (Cancellazione, p.14)
Sacralità amorosa, animale e materica, un filo rosso conduttore dell’espressività di Gabriela, condensato nei versi intensi di La materia dei sogni e Materica, delle pp. 18 e 19: “Ecco il sangue giusto che ci corre,/ quel sempre scendere e poi ancora risalire,/…/…ancora e ancora/ a ogni vento”; e “Siamo carne, semplice materia/ – ossa, nervi sottilissimi noi siamo/…eppure, eppure se ti vengono dei sogni,/…/ vanno dove non t’aspetti/…e lì si ricomincia”. Precedono e seguono versi di altri due testi, Invocazione, e Invocazione II – non casualmente collocati subito prima e subito dopo, alle pp. 17 e 21 –, che abbracciano e insieme definiscono il nucleo della poetica di Fantato, non solo di questo libro: “Invoco quello stare dritto/ davanti e dentro il mondo”(p.17), e “Vita, vita schiacciata, vita che salva/ non sei, vita dei senzanulla,/ dei perduti e andati, dei mai trovati,/ vieni! vieni, vita dei senzavoce,/…/ Vieni, vita – sono qui, ti ascolto.”
Anche solo da pochi versi si possono cogliere i loro ritmi, con battiti omofonici e palpitanti, di un corpo del SSR, teso a comporre sequenze del SS di “parola materiale e lirica” (Leopardi). Ritmi che, come sopra detto, tra spazi intimi e luoghi aperti percorrono il crinale del trambusto di tragedia e gioia, tra fede e speranza nella ciclicità fenomenologica che “lì si ricomincia”, tra possibili rinascite e smarrimenti di un amore per la vita che resiste nelle proprie profondità inconsce e animali. Un tema che non si estingue in Gabriela (vedi L’estinzione del lupo, Empirìa, 2012).
Luglio 2018

Continua a leggere »

PAIDEIA – N. 42/43

Pubblicato il 18 luglio 2018 su Recensioni e Segnalazioni da Maurizio Baldini

Nel N. 42/43di Paideia – Quaderni di Poesia – Cassino

Diretto da Francesco De Napoli

***
Memorie
dedicate a  Mario Lunetta e a Francesco Leonetti

Adam Vaccaro 

***

PAIDEIA

Quaderni di Poesia – Cassino

Memoria di Francesco Leonetti

Memoria di Mario Lunetta

Anticipazioni-Papa Ruggiero

Pubblicato il 15 luglio 2018 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa

*****

Marisa Papa Ruggiero

Sei testi inediti

***
Con un commento di Laura Cantelmo

***

Sono scatti della percezione, tagliati sul frammento, che rimandano, eideticamente, a luoghi mentali che hanno in corpo l’enigma, secondo procedimenti figurali, simbolici, non narrativi, disponibili a far avanzare altri piani di realtà calibrati su linee essenziali, agili, non semplicistiche. Nella mia direzione di ricerca sono portata a vedere come “poetici” quegli innesti involontari di “verità” annidati in certi squarci ordinari del quotidiano attraversati da un casuale passaggio di luce che ne sveli dettagli istantanei di magia. Può anche accadere che la cosa pensata dialoghi con se stessa, che sia la parola a dire di sé, che inventi – da sé – il luogo che la abita. Ed è allora che un ordine si ritrae – quello naturale – per il sopraggiungere di un altro ordine di diversa sostanza, che appartiene solo alla scrittura. E direi che il momento della poesia inizi proprio nell’istante di percezione: sarà non altro che la visione della cosa guardata a riferire di sé, sapendo che la parola “giusta” è sempre quella che manca dai dizionari in corso, ma sarà poi quella che non le è dato barare. Forse è per questo che percorrere tali regioni può significare sperimentare, della parola, il suo lato duro e amarla per questo; e forse, per alcuni, “disegnare” dal trampolino il salto sul vuoto è preferibile al farlo.

Continua a leggere »

POESIA E/E’ MEMORIA

Pubblicato il 14 luglio 2018 su Eventi Milanocosa da Maurizio Baldini

Comune di Bonefro

 

 Chiostro ex Convento Santa Maria Delle Grazie

 

 in collaborazione con

Associazione Culturale Milanocosa e Chelsea Editions

 

presenta

5 Agosto 2018 – h. 18,00

POESIA  E/E’  MEMORIA

Viaggio con la poesia di Adam Vaccaro

Dal Dopoguerra alla Globalizzazione

Seeds, Chelsea Editions, New York, 2014

 

Dialogano con l’Autore

Massimo Pamio, poeta e saggista

Anthony Molino, psicoanalista e traduttore  

Luigi Pece, ex Sindaco

 

***

Letture di Mariangela Agostinelli

***

Interviene il Sindaco Nicola Montagano  

 

 

Info:

 

Associazione Culturale Milanocosa – www.milanocosa.itinfo@milanocosa.it – T. 3477104584

Continua a leggere »

Anticipazioni – Rosa Salvia

Pubblicato il 1 luglio 2018 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa
*****

Rosa Salvia

Inediti
*
con una nota di Luigi Cannillo

Nota dell’autrice
Questi miei componimenti inediti sono nella raccolta in fieri Tempo innocente in cui affronto le interrogazioni fondamentali sull’essere e la condizione umana nel tempo che si comprime e si dilata aprendosi a tutte le possibili direzioni partendo da un punto focale di concentrazione, nel quale il mondo interiore e quello esteriore si incontrano traducendosi – per il tramite della immagine poetica o della metafora – l’uno nell’altro.
Attraverso l’elaborazione di un linguaggio della filosofia e della poesia insieme, che unisca i valori formali a quelli concettuali, la lirica al discorso, il rigore filosofico all’altrove poetico e all’eros, tornano intatte le grandi domande degli inizi, Caso o Necessità, vuoto o indifferenza, sopravvivenza o nulla, Tempo lineare e Tempo circolare. La raccolta comprende quattro sezioni: Tempo innocente (il tempo dell’arte e della poesia), Tempo che soffre (il tempus edax che ci strappa a noi stessi), Infinitesimi di logos (“un sapere mutilo” fatto di interpretazioni e di contrasti, che tuttavia è l’unico sapere dato all’uomo), L’eros (inteso platonicamente come via alogica verso l’Assoluto che rimane ad ogni modo tensione) fermo restando il procedere frastagliato e rapsodico dell’essere che guarda alla caducità e al suo mistero come alle due dimensioni fondanti della vita.

Continua a leggere »

Resoconto e Testi Quintocortile 2018

Pubblicato il 23 giugno 2018 su Resoconti da Adam Vaccaro

Quintocortile 2018

Giochi e Gioghi Globali

http://www.milanocosa.it/eventi-milanocosa/xv-rassegna-poesiarte-milano-giochi-e-gioghi-globali
***
Resoconto e testi pervenuti di

Franco Buffoni, Paolo Valesio, Luca Ariano, Anna Spissu, Fausta Squatriti, Filippo Ravizza,

Annamaria De Pietro, Alessandra Paganardi, Lidia Sella, Adam Vaccaro, Fabrizio Bregoli,

Claudia Azzola, Paolo Quarta, Gabriella Galzio, Rinaldo Caddeo, Beppe Mariano, M.Carla Baroni,

Laura Cantelmo

***

Grazie a tutti coloro che hanno dato il loro contributo a una manifestazione annuale che prova a offrire stimoli con occasioni di scambio e ascolto reciproco, tra artisti e poeti sollecitati a misurarsi con i grandi nodi della vita contemporanea. Nodi che spesso molta parte della Cultura evita o affronta poco, sia sul piano della elaborazione di analisi, sia come gesti creativi. Da parte nostra – come Milanocosa e Quintocortile – da un quindicennio proviamo a farlo. E’ importante rilevarlo, sia pure senza trionfalismi e autocelebrazioni.

Continua a leggere »

Poesia e Magia del Solstizio d’estate

Pubblicato il 22 giugno 2018 su Eventi Suggeriti da Maurizio Baldini

“La misteriosa notte di San Giovanni”

Storia, superstizione, musica e magia nella notte più lunga dell’anno

4 a edizione

“Poesia e Magia del Solstizio d’estate”

Teatro Musica Poesia

Palazzo Francica Nava

Via Saverio Landolina n 5 – Siracusa

Domenica, 24 giugno 2018 ore 19.30

Ore 19.30 Apertura evento

Interverranno tra gli altri i fantasmi di:

Alceo, Charles Baudelaire, Gioacchino Belli, Giosuè Carducci, Gabriele D’Annunzio, Omero, Cesare Pavese, Aldo Palazzeschi, Francesco Petrarca, Edgar Allan Poe, Salvatore Quasimodo, William Shakespeare, Virgilio

evocati dagli attori Giuseppe Ferlito e Sonia Grandis

che reciteranno anche versi dei poeti contemporanei: Donatella Bisutti – Danilo Bramati – Giuseppe Conte – Roberto Deidier – Nino De Vita – Gabriella Galzio – Mariangela Gualtieri – Letizia Leone – Marisa Papa Ruggiero – Umberto Piersanti
Musiche di Strauss, Franchetti, Mascagni e con la partecipazione di Giuseppe Di Mauro (voce e tamburello) Ideazione e regia: Donatella Bisutti

Continua a leggere »

Testuale – N.61-62

Pubblicato il 20 giugno 2018 su Recensioni e Segnalazioni da Adam Vaccaro

TESTUALE

critica della poesia contemporanea

n.61/62/2018

Autori

Giorgio Barberi Squarotti, Adriano Spatola, Giacinto Scelsi

Rosa Pierno, Gio Ferri, Luigi Cannillo, Adam Vaccaro

“Letterale”

Recensioni

Eleonora Fiorani, Marica Larocchi, Fausta Squatriti

Alessandra Carnaroli, Michelangelo Coviello, Michele Zaffarano,

Luciano Troisio, Andrea Rompianesi, Luciano Fusi

***

TESTUALE 61 / 62 / 2018

Direzione

Gio Ferri, Rosa Pierno

Consulenza critica e redazionale

ITALIA: Renato Barilli, Marosia Castaldi, Ottavio Cecchi, Cesare De Michelis,

Continua a leggere »

Anticipazioni – Lidia Sella

Pubblicato il 15 giugno 2018 su Anticipazioni da Adam Vaccaro

Anticipazioni
Vedi a: http://www.milanocosa.it/recensioni-e-segnalazioni/anticipazioni
Progetto a cura di Adam Vaccaro, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo – Redazione di Milanocosa

*****

Lidia Sella

Inediti

***

Con un commento di Adam Vaccaro

***

Nota dell’Autrice

I poteri forti ci hanno rinchiuso in una gabbia a forma di 1. Hanno impiccato i sudditi al gancio di un’unica verità. Si sono arrogati il diritto di stabilire in esclusiva ciò che è buono/giusto/sacro.
E noi siamo tenuti a uni-formarci. Schiavi di regole cervellotiche impartite dalla cupola mondialista.
Costretti a inchinarci davanti alle superstizioni monoteiste. Obbligati a percorrere la carreggiata a senso unico del pensiero politicamente corretto.
Omologazione, sradicamento e meticciato globale minacciano la specificità dei popoli, negano la pluralità delle idee, e del sentire, abbattono l’albero della tradizione. I poeti non hanno altra arma che le parole e la fiamma del pensiero. Perché allora non usarle per contrastare l’oppressore e gli invasori? Traduciamo in un grido catartico l’indignazione contro la barbarie dell’ignoranza e della bruttezza. Scuotiamo le coscienze di chi è inconsapevole. Opponiamoci al tragico destino di decadenza ordito contro di noi. Che almeno un segno di ribellione resti, un riverbero umano nella terra desolata del declino.

Continua a leggere »


Benvenuto

Sei sul sito di Milanocosa, l'associazione culturale che svolge attività di promozione culturale secondo criteri di ricerca interdisciplinare con l'obiettivo di favorire la circolazione e il confronto fra linguaggi, ambiti e saperi diversi, spesso non comunicanti tra loro. - Libri