CALPESTARE L’OBLIO

Pubblicato il 23 marzo 2011 su Eventi Milanocosa da Adam Vaccaro

SPAZIO TADINI
via Jommelli 24, Milano (Tram 33/Bus 62 /MM Loreto/Piola) tel. +39 02 26 19 684

5 APRILE 2011 – h. 18

Milanocosa

Adam Vaccaro e Fabio Orecchini

Presentano

CALPESTARE L’OBLIO
PROGETTO CULTURALE e ANTOLOGIA

Cento poeti italiani contro la minaccia incostituzionale, per la resistenza della memoria repubblicana
A cura di Valerio Cuccaroni.
Davide Nota, Fabio Orecchini

POETI “CONTRO L’OBLIO”

ASSIEME A STUDENTI, RICERCATORI, DOCENTI,
PER UNIRE LE LOTTE DEL MONDO DELLA CULTURA

Nato come opera poetica di impegno civile nel novembre 2009, capace di attirare l’attenzione non solo degli addetti ai lavori ma dei maggiori media nazionali, dall’8 gennaio 2010 “Calpestare l’oblio” si è auto-organizzato in un vasto movimento spontaneo di rivolta generale contro quello che i promotori hanno definito il “trentennio dell’interruzione culturale” e della “rimozione della coscienza critica”.
Il progetto, coordinato da Davide Nota (rivista La Gru), Fabio Orecchini (rivista Argo e Beba Do Samba) e Valerio Cuccaroni (rivista Argo), ha prodotto finora 2 e-book, 2 edizioni cartacee, decine di incontri e 2 assemblee nazionali, di cui si dà conto nell’allegato, assieme al programma e all’elenco di tutti coloro – poeti, giornalisti, associazioni, sindacati, partiti, istituzioni – che hanno finora aderito al progetto.

……………………………

Credo che iniziative come questa vadano sostenute perché, nel pantano economico, culturale, politico ed etico in cui siamo, è importante che persone di ogni ambito e genere diano testimonianza della crescente insofferenza verso le modalità di gestione dell’attuale governo e di chi ne è a capo. Insofferenze che toccano in modi diversi anche i vuoti e le incapacità delle opposizioni, o i privilegi intollerabili di tutta la casta politica.

In questa situazione è bene che ognuno di noi si scuota e non deleghi ad altri la denuncia di uno stato di cose che se sul piano economico colpisce i giovani e chi ha già poco, su altri piani ci offende come esseri umani. Queste iniziative vengono da chi si occupa di poesia, che – se viene interpretata come cosa che riguarda la totalità della vita – è nemica dell’indifferenza e dell’irresponsabilità verso il contesto. 

Giuliano Gramigna diceva che la poesia autentica, tra le cose che può fare, “fa la speranza”. Per me è sempre stata una delle sollecitazioni più potenti a scrivere versi: ritrovare energie e speranza di resistenza e persistenza umana. Affettività, pensiero critico e etica vi si fondono. E si può chiamarlo senso civile o come diavolo si vuole, ma credo in tale religione laica del fare nella società in cui viviamo. Un fare che riguarda la poesia come ogni altra attività e linguaggio. 

Ognuno darà valore ai singoli testi, sulla base delle proprie sensibilità e concezioni di poesia. Ma, nel loro insieme, le poesie di Calpestare l’oblio testimoniano in primo luogo la volontà di essere linguaggio più presente nel corpo sociale, non per soddisfare narcisismi ma per dare il proprio contributo di cittadini alla ricostruzione delle energie e speranze di cui oggi abbiamo estremo bisogno.

Adam Vaccaro

———————————

Ingresso libero

Si invitano tutti gli autori interessati – anche non inseriti nell’antologia – a dare tempestiva comunicazione dell’intento di aderire e partecipare con testi o contributi critici, al fine di consentire la migliore informazione e organizzazione della serata.

Info: Associazione Culturale MilanocosaAdam Vaccaro – tel. 347 7104584 info@milanocosa.it

3 comments

  1. paolo oropallo ha detto:

    Dopo aver incrociato “quintocortile” e “Milano cosa”, grazie all’impoetico mafioso, sono lieto di considerarmi un recidivo sociale partecipando all’incontro di martedì 5. Contento di essere in buona compagnia. Paolo Oropallo

  2. paolo oropallo ha detto:

    Una storiella italiana

    Già c’era,adesso c’è di più,
    più onesto,più giusto,
    infaticabile
    non vedete anche voi?
    Non poteva dormire
    codesto campione e…
    subito unto,si è armato.
    Ha scolpito il suo viso
    con cerone e sorriso,
    si è stirato,trapiantato,rialzato,
    non ha avuto paura
    di far ridere il mondo.
    Fatto da solo vale per tre,
    trecento,tremila, tre milioni
    incalza le folle da artista
    regalando il nulla
    liberista fin dalla culla.
    Esiste, è vero,è toccato a noi
    questo vulcano,questo genio
    che ad ogni domanda risponde
    sulle onde del sentimento,
    infanzia? Faticosa,
    la mamma? Una rosa,
    il babbo? Un amico,
    gli amici? Fidati!
    E poi famiglia allargata
    benedetta dal Papa
    con mogli,figli e figlie…..
    Libertà,libertà
    d’investire,di mentire,di fuggire
    di cantare,d’incantare,di vietare
    censurare e licenziare,adulare
    farsi leccare dai palpitanti astanti
    comprati con denari sonanti.
    Libertà,libertà
    per il suo profitto alto fino al tetto
    del mondo ché tutti possano vedere
    che uomo è.
    Che uomo?

    Il contratto

    Copia-incolla 1816 , seleziona tutto
    e poi…ecco con la tua penna
    scrivi ombre di parole per i villani
    con le mani sotto i riflettori.
    Incolla con bava d’insetto le promesse
    al foglio bollato : “ Perfetto “
    Il Gran Maestro approva.
    Ora dalla scrivania di scena
    le promesse volano outlook-express
    in alta velocità (ad una corsia però)
    sino alla passeggiata tra nuvole azzurre.
    Sul mare di Scilla l’ottava meraviglia,
    l’emblema di un impero,
    l’ululato nero di un paesaggio
    che grida con rabbia : “ Mafia ! “.
    Copia-incolla 1816
    lotta dura alla magistratura
    con tigri sbucate nel circo mediale.
    Copia- incolla con carta carbone
    annerisci il copione di giornali
    di radio e di televisione
    sino al sogno presidenziale
    …niente male , niente male
    per uno appena sbarcato .
    Copia incolla la Costituzione
    a colpi di maggioranza
    come stabilito nella segreta stanza.
    Pazienza , Ctrl + Alt + Canc
    rincominceremo !

    Questi due sfoghi risalgono ai tempi del famoso contratto con Vespa,… e l’epitaffio è ancora lontano! Paolo Oropallo

  3. […] 5 Aprile, ore 18, Spazio Tadini, via Jommelli 24, Milano [http://www.milanocosa.it/eventi-milanocosa/374 […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Benvenuto

Sei sul sito di Milanocosa, l'associazione culturale che svolge attività di promozione culturale secondo criteri di ricerca interdisciplinare con l'obiettivo di favorire la circolazione e il confronto fra linguaggi, ambiti e saperi diversi, spesso non comunicanti tra loro. - Libri